HomeL’agenda 2030 dell’Onu per lo sviluppo sostenibileL’agenda 2030 dell’Onu per lo sviluppo sostenibile

L’agenda 2030 dell’Onu per lo sviluppo sostenibile

L'agenda 2030 dell'Onu per lo sviluppo sostenibile

Il 25 settembre 2015 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, corredata da una lista di 17 obiettivi (Sustainable Development Goals) e 169 sotto-obiettivi che riguardano tutte le dimensioni della vita umana che dovranno essere raggiunti da tutti i paesi del mondo entro il 2030.

L'agenda 2030 dell'Onu per lo sviluppo sostenibile
Partendo da un palese giudizio sull’insostenibilità dell’attuale modello di sviluppo, l’Onu arriva finalmente ad appoggiare la teoria secondo la quale la sostenibilità non riguarda solo l’ambiente, bensì investe tutti i settori della vita dell’uomo, quale il lavoro, i mezzi di trasporto, la salute, l’educazione, ecc.

Per tale motivo tutti i paesi, tutti i settori (governi, imprese, società civile) e tutte le persone sono chiamate a contribuire allo sforzo di orientare il mondo verso il cammino della sostenibilità.

Integrità, partecipazione e universalità sono le parole chiave per contribuire ad uno sviluppo sostenibile perché in un’economia circolare e globalizzata le cattive abitudini di un singolo Stato (si pensi all’eccessivo consumo di energie, a traffici illegali, alle emissioni di gas tossici, pessime pratiche con impatti sull’ecosistema) diventano universali in quanto interdipendenti.

Solo la cooperazione e la partecipazione di tutti possono garantire uno sviluppo universale, sostenibile e tendente all’integrità degli Stati nel mondo e a tal fine ogni Paese deve impegnarsi a definire una propria strategia di sviluppo sostenibile che gli consenta di raggiungere gli SDGs entro il termine stabilito.

Ma quali sono questi obiettivi?

  • Obiettivo 1: Porre fine ad ogni forma di povertà nel mondo o almeno dimezzare la popolazione di persone povere in base alle soglie definite a livello nazionale
  • Obiettivo 2: Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile (supportare i piccoli produttori alimentari, migliorando la sostenibilità dell’ambiente, aumentando la capacità di ripresa nelle pratiche di produzione e riducendo lo spreco e le perdite di alimenti).
  • Obiettivo 3: Assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età;
  • Obiettivo 4: Fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva, e opportunità di apprendimento per tutti;
  • Obiettivo 5: Raggiungere l’uguaglianza di genere ed emancipare tutte le donne e le ragazze;
  • Obiettivo 6: Garantire a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e delle strutture igienico sanitarie;
  • Obiettivo 7: Assicurare a tutti l’accesso a sistemi di energia economici, affidabili, sostenibili e moderni;
  • Obiettivo 8: Incentivare una crescita economica, duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti;
  • Obiettivo 9: Costruire una infrastruttura resiliente e promuovere l’innovazione e una industrializzazione equa, responsabile e sostenibile;
  • Obiettivo 10: Ridurre le disuguaglianze all’interno e fra le Nazioni;
  • Obiettivo 11: Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili, garantendo mezzi di trasporto attivi;
  • Obiettivo 12: Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo;
  • Obiettivo 13: Adottare misure urgenti per combattere i cambiamenti climatici e le sue conseguenze;
  • Obiettivo 14: Conservare e utilizzare in modo durevole gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile;
  • Obiettivo 15: Proteggere, ripristinare e favorire un uso sostenibile dell’ecosistema terrestre, gestire sostenibilmente le foreste, contrastare la desertificazione, arrestare e far retrocedere il degrado del terreno, e fermare la perdita di diversità biologica;
  • Obiettivo 16: Promuovere società pacifiche e più inclusive per uno sviluppo sostenibile; offrire l’accesso alla giustizia per tutti e creare organismi efficaci, responsabili e inclusivi a tutti i livelli;
  • Obiettivo 17: Rafforzare i mezzi di attuazione e rinnovare il partenariato mondiale per lo sviluppo sostenibile.

Insomma, gli Stati avranno da fare nei prossimi anni!

Voi adesso vi chiederete: “bene, ma cosa c’entra tutto questo con i viaggi, con il turismo?“.

C’entra, eccome. Infatti – proprio sulla scia di questi obiettivi- l‘Onu ha dichiato il 2017 come l’anno del turismo sostenibile.

Se vuoi sapere di più, leggi l’articolo “Il 2017 è l’anno del turismo sostenibile“.

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017: Occhi da viaggio, All Rights Reserved | Travel Theme by: D5 Creation | Powered by: WordPress
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: